Inquietudine, questo è lo stato che da qualche giorno mi caratterizza.

Beh i miei amici dicono che ho tutte le ragioni per sentirmi così per il fatto che ho ricambiato città quindi abitudini, ritmi, luoghi, persone ma io so che in realtà non si tratta di questo.

C’è qualcosa di più profondo che da qualche settimana monopolizza i miei pensieri; forse qualche mese. Sono stato giù a casa e non è stata come tutte le volte. Normalmente andare a casa, in famiglia è per me un porto di pace, un momento in cui riesco a tenere il mnondo fuori e riesco a dare il giusto peso alle cose e le giuste priorità.; l’ultima volta invece non è stato così, forse complice il tempo che non è stato dei più felici….anzi, alquanto grigio e freddo ho passato dei giorni tra il nostalgico, il confuso e il melanconico. Perché? Ho passato ore e ore a ruotarmi nel letto per capire cosa stesse succedendo ma ci vollero giorni perché mi fosse chiaro.

Sembrava quasi che un orologio biologico continuasse ad andare avanti ma che mi ponesse a questo punto davanti ad un momento fatidico…. Ho una certa età, una certa struttura, una situazione lavorativa più o meno soddisfacente e forse il mio cervello, il mio orologio, il mio “es” mi presenta il conto.

Non riesco più a guardare mia mamma, i miei fratelli, i miei amici d’infanzia e fare ancora una volta finta di niente. Sento che ho il bisogno di parlare veramente con loro, ancora una volta ma in maniera del tutto onesta e sincera….come non lo è stato mai. Devono sapere anche questo e se l’hanno già intuito, appreso, capito, poco importa! Lo devono sentire dalla mia voce. Ho io bisogno di chiarire anche questa parte della mia vita e mettere luce su qualcosa che in tutti questi anni è comunque stato in ombra o che non ha mai preso un colore chiaro, netto, definito. Troppo facile questo “patto omertoso” tra le persone che più amo al mondo, forse comodo si, forse meno doloroso ma alla fine annichilente, tossico, infestante, letale. Sento che ogni volta che vado a casa (e passanno sempre almeno 4/6 settimane) io trovo sia me stesso che le persone che amo con una ruga in più ma spesso nessuno di noi sa veramente a cosa quella ruga è dovuta…. Non ci sto più bene.

Fino a qualche anno fa pensavo che occhio non vede, cuore non duole, oggi dico…………… cazzate!

Anzitutto epr me stesso, ho bisogno di essere trasparente con me stesso e con gli altri e sono convinto che questo faccia bene anzitutto a me anche se all’inizio sarà dura da affrontare! Le paure? Beh le paure sono quelle di sempre il fatto di non essere accettato, di essere giudicato …. Se non addirittura di essere allontanato… ma forse tutto ciò fa rima non a caso con “amato”….. e quindi è giusto che le persone che mi amano sappiano e se mi amano veramente capiranno veramente. Negli anni ne ho sentite di storie orribili: amici ripudiati dai genitori, altri mandati dagli strizzacervelli se non addirittura famiglie intere saltate per aria! E qui mi viene una rabbia: ma perché gli etero invece ce l’hanno così semplice!? Loro non devono ufficializzare o rivelare nulla!

Arghhhh che rabbia! Ma poco importa, la vita è una e a noi è toccata questa e comunque dobbiamo fare di tutto per viverla al meglio!

D’altronde mi sovviene la citazione di un ragazzo che ho conosciuto qualche anno fa e che mi aveva fortemente sorpreso….. diceva “ciò che la verità può distruggere, va distrutto!” Penso che non serva aggiungere altro……


Commenti



4 Commenti

  1.    Fu gio on 17 Aprile 2012 23:47

    Complimenti per il blog, ne ho letto alcuni post e mi hai fatto emozionare. Io l’ho detto a mamma e papà quando ho visto che mia madre parlava al gatto come se fossi io. Era molto triste e diceva più o meno così: perché non mi parli, micio. Eccì li ho capito che dovevo farlo…

  2.    Barcellona gay on 25 Giugno 2012 22:40

    Bellissmo post e stupendo blog. Per me, a suo tempo, il coming out non fu facile..se ci fossero stati dei blog cosí o almeno un supporto esterno sarebbe stato tutto molto più facile. :-)

  3.    Alex on 6 Aprile 2013 20:02

    Grazie mille :)

  4.    Alex on 6 Aprile 2013 20:19

    :-) )))))))))))) ne sono felice :)

Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio)

Sito web

Speak your mind

Codice di sicurezza: